sabato 30 novembre 2013

Milano: Sempre Verdi!

Anche WOW Spazio Fumetto, il Museo del Fumetto di Milano, racconta il mito di Giuseppe Verdi in oltre 100 anni di illustrazione e fumetto, dalle parodie pubblicate su Topolino alle eleganti figurine Liebig, dai tratti superbi dei grandi cartellonisti del cinema italiano alle vignette a lui contemporanee fino alle riduzioni delle sue opere a fumetti. Il tutto esposto attraverso tavole originali, collezioni preziose, albi d’epoca, edizioni rare, accurate riproduzioni e manifesti cinematografici originali.

Prima Parte


mostra-evento in occasione della Prima della Scala

e del Bicentenario Verdiano

SEMPRE VERDI!


il mito di Giuseppe Verdi

raccontato in oltre 100 anni di illustrazione e fumetto

dalle figurine Liebig a Topolino

esposte in anteprima le tavole della nuova storia

Topolino e il Codice Armonico

e La Traviata in diretta dal Teatro alla Scala!



30 novembre 2013 - 5 gennaio 2014


WOW SPAZIO FUMETTO
Museo del Fumetto, dell’Illustrazione e dell’Immagine animata di Milano

Viale Campania 12 – Milano

Info: 02 49524744/45 - www.museowow.it - INGRESSO LIBERO

Orario mostra: da martedì a venerdì, ore 15.00-19.00; sabato e domenica, ore 15.00-20.00.


Continuano gli omaggi di WOW Spazio Fumetto – Museo del Fumetto di Milano al grande melodramma in occasione della prima del Teatro alla Scala. Dopo il successo delle scorse edizioni con le mostre Mozart a strisce (2011) e Wagner a strisce (2012), quest’anno è la volta di Sempre Verdi!, un omaggio al mito verdiano così come lo hanno celebrato il fumetto, il cinema, la satira e l’illustrazione in oltre cento anni, dalle storie pubblicate su Topolino alle eleganti figurine Liebig, dai tratti superbi dei grandi cartellonisti del cinema italiano alle vignette a lui contemporanee fino alle riduzioni delle sue opere a fumetti. Il tutto esposto attraverso tavole originali, collezioni preziose, albi d’epoca, edizioni rare, accurate riproduzioni e manifesti cinematografici originali. Grazie alla preziosa collaborazione di The Walt Disney Company-Italia e Panini in mostra trova posto una vera e propria chicca: le tavole esposte in anteprima della storia Topolino e il Codice Armonico che verranno pubblicate sul n. 3028 di Topolino in edicola a partire dal prossimo 4 dicembre, nella quale Topolino e Pippo incontrano nientemeno che Verdi!

Sabato 7 dicembre (ore 18.00) il Museo del Fumetto, nelle sale in cui è allestita la mostra, ospiterà la trasmissione in diretta dal Teatro alla Scala de “La Traviata” su megaschermo e in alta definizione (ingresso libero fino ad esaurimento posti).

La mostra, curata da Enrico Ercole, prodotta da WOW Spazio Fumetto - Museo del Fumetto di Milano in collaborazione con il Comune di Milano - Consiglio di Zona 4, vanta il patrocinio del Museo Nazionale Giuseppe Verdi di Busseto.



L'INAUGURAZIONE - SABATO 30 NOVEMBRE 2013, ORE 20.30

Per l'apertura della mostra-evento, il museo ospiterà - in collaborazione con l'Associazione Ottava Nota e l'Associazione Tangiro - il concerto-spettacolo “Inventare il vero”, un affascinante e coinvolgente itinerario nell'universo verdiano tra Storia e Musica, alla scoperta dell'uomo e dell'artista. La colonna sonora è costruita con le note più significative delle sue Opere, dal Nabucco al Rigoletto, dall'Aida all'Otello, dal Trovatore al Macbeth. Regia, voce recitante e direzione scenica di Roberto Cajafa. Soprano: Carmen Claure. Baritono: Alessandro Civili. Al pianoforte: Alessandro Marino.

tavola da TOPOLINO E IL CODICE ARMONICO immagine in anteprima


Il percorso della mostra Sempre Verdi! offre un appassionante viaggio nel tempo che si snoda attraverso la grafica elegante delle vignette di fine Ottocento e delle stupende figurine Liebig dedicate alle sue opere più celebri (anno 1893 e 1902 provenienti dalla collezione della Filatelia Sanguinetti di Milano), fino ad arrivare al fumetto di ultima generazione con le pagine più belle della storia recentemente realizzata da Carlos Gómez per le avventure di Dago, nella quale il protagonista della popolare saga a fumetti incontra la musica verdiana del Nabucco.

In mezzo a queste due ideali parentesi si snoda una lunga e avvincente narrazione a fumetti e immagini che passa per il fantastico mondo Disney, dove nel 1979 Aida e Radamès sulle pagine di Topolino si sono trasformati prima in Paper-Damès e Celest'Aida (storia disegnata dal grande Pier Lorenzo De Vita e scritta da Guido Martina) per poi tornare su quelle del periodico Paperinik nel 1997 nella divertente avventura Paperinik e l'indimenticabile Aida (disegni di Lucio Leoni e testi di Bruno Sarda), questa volta con protagonista Paperino nei panni dell’eroe mascherato e la comparsa di un capriccioso tenore chiamato Silvano Paperotti.

UNA PREZIOSA ANTEPRIMA VERDIANA CON PIPPO E TOPOLINO

Al centro della mostra trovano posto le bellissime tavole della storia Topolino e il Codice Armonico, esposte in anteprima assoluta grazie alla preziosa collaborazione di The Walt Disney Company-Italia e Panini. Pubblicata sul n. 3028 di Topolino, in edicola a partire dal prossimo 4 dicembre, disegnata da Paolo Mottura e scritta da Francesco Artibani, la storia ci racconta di una vecchia partitura dell’Aida che nasconde un mistero musicale che Topolino e Pippo proveranno a risolvere affrontando un viaggio nel tempo che li porterà nella Milano del 1872 alla vigilia della prima scaligera dell’opera. L’indagine inizierà alla Scala ma ben presto quello che sembra solo un rompicapo per melomani si trasformerà in un intrigo internazionale, un gioco pericoloso contro avversari disposti a tutto per scatenare un conflitto terribile che incendierà il vecchio continente e dividerà l’Italia appena riunita. Per salvare la situazione Topolino e Pippo dovranno risolvere l’enigma del codice armonico, un’impresa disperata in cui avranno bisogno dell’aiuto di un incredibile compagno d’avventura: il maestro Giuseppe Verdi.

UNA BIOGRAFIA D’AUTORE

Grazie alla collaborazione dell’autore, saranno esposte le splendide tavole originali realizzate da Paolo Piffarerio nel 2001 per la biografia a fumetti di Giuseppe Verdi pubblicata da Il Giornalino in occasione del Centenario della morte del compositore: un'occasione per rendere anche omaggio a un grande maestro del fumetto italiano dal tratto realistico e di eccezionale eleganza.

Verdi compare come uno dei protagonisti del nostro Risorgimento nelle pagine disegnate da Paolo Ongaro per la storica collana Storia d’Italia a fumetti curata da Enzo Biagi nel 1980.

In collaborazione con la Fondazione Teatro Comunale Luciano Pavarotti di Modena sarà possibile ammirare alcune tavole pubblicate nella serie Lirica a Strisce: Macbeth, La Traviata, Otello e Aida rivivono nei tratti di autori diversi per essere pubblicate a fumetti sui libretti di sala e avvicinare il pubblico più giovane all’opera lirica.

Provenienti dall’archivio di Fermo Immagine – Museo del Manifesto Cinematografico di Milano sono alcuni manifesti originali dei più bei film dedicati alla vita di Verdi, come Giuseppe Verdi (1953) di Raffaello Matarazzo: quando anche i manifesti cinematografici erano dipinti a mano da grandi maestri dell’illustrazione italiana.

Da non perdere anche le pagine più avvincenti dell’albo bonelliano La donna che cambiò la Storia d’Italia (serie Storie da Altrove) nel quale vediamo Giuseppe Verdi alle prese con una misteriosa musica proveniente da un mondo misterioso in grado di cambiare il corso della storia (soggetto del grande Alfredo Castelli, disegni di Sergio Giardo).

Dall’archivio della Fondazione Franco Fossati provengono invece, oltre a preziosi documenti e giornali d’epoca, anche le pubblicazioni originali, fin dagli anni Trenta, su cui sono comparse storie a fumetti di ispirazione verdiana, principalmente sul mitico Corriere dei Piccoli. Da non perdere anche la mini biografia a fumetti disegnata dal grande Dino Attanasio per la rivista Tintin nel 1957.

Per celebrare degnamente il doppio anniversario che vede coincidere il Bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi e di Richard Wagner, WOW Spazio Fumetto esporta presso la Galleria Civica di Bolzano, dal 20 dicembre 2013 al 20 gennaio 2014, in collaborazione con l’Associazione Musica in Aulis, la mostra Wagner a Strisce che l’anno scorso ha salutato la rappresentazione scaligera di Lohengrin.

Ufficio stampa - WOW Spazio Fumetto
Enrico Ercole



La Traviata



La traviata - disegni di Alberto Pagliaro - Teatro Comunale di Modena

La traviata - disegni di Alberto Pagliaro - Teatro Comunale di Modena
La traviata - disegni di Alberto Pagliaro - Teatro Comunale di Modena

La traviata - calendarietto profumato anni 60



Le figurine Liebig


Figurina Liebig - serie I grandi compositori anno 1893

Figurina Liebig - serie La Traviata 1909

****

 Ringrazio Enrico Ercole per la sua gentilezza ed il materiale che mi ha messo a disposizione.

(continua)

venerdì 29 novembre 2013

L'Angelo e il Pennuto (6)

L'Angelo e il Pennuto 


-Primarie 2013, D'Alema dice che Renzi non ha contenuti
-Accusarlo di aver copiato la linea di Bersani mi sembra troppo!
Etichette: D'alema, L'Angelo e il Pennuto, primarie PD, Renzi

mercoledì 27 novembre 2013

"Caffè?" mostra di Paolo Dalponte



Caffè?
Paolo Dal Ponte
Studio d'Arte Andromeda
Via Malpaga 17 - Trento

Orari dal lunedì al sabato 16:30 - 19:30
Inaugurazione Sabato 7 dicembre 2013 ore 18:00


Paolo Del Ponte dopo le pipe rivisita le tazzine del caffè.
A breve l'inaugurazione della mostra a Trento.
Le tazzine del caffè per ora le sbirciamo dal manifesto, eleganti, una più bella dell'altra.
L'idea della mostra "Se questa non è una pipa" invece, spiega l'artista, era nato a Bruxelles, dopo una visita all'allora nuovissimo Museo Magritte. Prima con un breve racconto e successivamente con la serie dei disegni. Una pipa forata, come un piccolo scolapasta con il manico, da un'altra esce la testa di una locomotiva, come fosse una galleria, un'altra ancora ha la ruota, come una carriola. E poi un microfono, un pettine, un nido, un pozzo, una conchiglia, un pallone...
 L'idea di sviluppare in senso surreale ed umoristico l'affermazione che si ritrova in diverse versioni nell'opera del pittore belga si è così dipanata in una serie di novantanove disegni.

dalponte-00 dalponte-00 dalponte-00
dalponte-00 dalponte-00
fonte


"Se questa non è una pipa."
c'è anche il libro



Satira Humour a Gallarate
Menzione | Honorary Mention

Paolo Dalponte (Italia)


 Il sito di Paolo Dalponte: http://www.paolodalponte.it/

****

Ti potrebbe interessare anche:


Artisti: Paolo Del Ponte

lunedì 25 novembre 2013

Doaa Eladl

25 november
 is
 International Day for the Elimination of Violence against Women
Ho scelto di lasciare parlare in questo giorno i disegni di Doaa Eladl, giovane disegnatrice egiziana, Premio Satira Internazionale Forte dei Marmi 2013, che tanto si batte per i diritti delle donne ed i soprusi maschili.

Violence against women


stop Violence against women
08 Dec 2012

50 anni fa la morte di J.F. Kennedy

22 november 1963 : End Of Innocence

"Chi porta tanto coraggio nel mondo
il mondo per spezzarlo deve ucciderlo
e naturalmente lo uccide.
Il mondo spezza tutti
e nel punto della rottura molti sono più forti.
Quelli che non si spezzano li uccide.
Uccide imparzialmente i migliori,
i più nobili, i più fieri."
Hemingway




That day in Dallas… 
 By Patrick Chappatte, The International Herald Tribune - 11/22/2013

Alle 12.30 del 22 novembre 1963 a Dallas, in Texas, il Presidente John F. Kennedy viene colpito a morte mentre è seduto accanto alla moglie Jacqueline. A bordo dell'auto presidenziale ci sono anche il governatore dello Stato John Connally e la consorte Nellie. Tre spari uccidono l'innocenza e creano un mito.

Come si spiega che il ricordo di JFK sia così duraturo nel tempo per l'immaginazione del pubblico e del mondo politico? Il modo della morte di Kennedy è il punto centrale per qualsiasi risposta. La storia di quel giorno del 1963,  l'assassinio, è così coinvolgente, così piena di dramma umano e di pathos che il mistero che avvolge la sua morte, i possibili mandanti ed il vero movente, non accenna  a diminuire, anche per coloro che accettano che Lee Harvey Oswald sia l'unico assassino.

domenica 24 novembre 2013

La Russa e il suo rapporto con i Ligresti


 PORTOS / Franco Portinari
Etichette: La Russa, parcelle, postcards.Fonsai, sinistri

 Ignazio La ...Gresti
Tiziano Riverso

La notizia
Tra il 2009 e il 2010, quando era ministro della Difesa, Ignazio La Russa avrebbe percepito dal gruppo Fonsai 451 mila euro come «parcelle spese sinistri» e «altre prestazioni di servizi». È quanto emerge dagli atti dell’inchiesta di Milano - secondo quanto scrive la Repubblica - che vede indagati Salvatore Ligresti e Giancarlo Giannini per corruzione. Anche il figlio dell’ex ministro, Geronimo, avrebbe ricevuto parcelle professionali dal gruppo per un totale di 211mila euro. Analogo trattamento economico per il fratello del parlamentare di Fratelli d’Italia, Vincenzo, per un totale di 300mila euro.

... no comment!

venerdì 22 novembre 2013

Sardegna, ciclone Cleopatra (vignette)

22 novembre giorno di lutto nazionale in ricordo dei morti della Sardegna causati dal passaggio del ciclone Cleopatra. In poche ore è caduta la pioggia di sei mesi, con conseguenze gravissime, 16 morti.
La tragedia, disegnata nelle vignette, vuole rappresentare la vicinanza degli artisti alle popolazioni colpite da tale enorme calamità.
TRAGEDIA MALTEMPO IN SARDEGNA
Valerio Marini


giovedì 21 novembre 2013

Tomas Serrano disegna il video di "Get Well Soon" per Sarabeth Tucek

GET WELL SOON Official Music Video Teaser
from Tomas Serrano
The teaser of the Sarabeth Tucek's Get Well Soon Official Music Video by Tomas Serrano


GET WELL SOON Official Music Video Teaser from Tomas Serrano on Vimeo.



In anteprima il trailer del video musicale di "Get Well Soon" per Sarabeth Tucek disegnato dall'artista spagnolo Tomas Serrano.
 Con il ferma immagine ho rubato qualche immagine e  per ora posso condividere solo il trailer.
I disegni del video sono pura poesia anche se  qualcuno dato l'ambiente dei mendicanti può sembrare terrificante.
Ho imparato a conoscere la bravura di Tomas nel 2011 quando fu premiato al World Press Cartoon....  Complimenti Tomas!!




Tomas Serrano
Born in León, Spain.
Architect
Illustrations, cartoons, animations, animated music videos.
Published children´s books author: "Salfón el limpiador de tejados" (Ed. Lumen, Barcelona, 2001)
"Lula en la Casa Lis" (Fund. Ramos Andrade, Salamanca, 2010)
Cartoon awards: Premio Mingote 1995, World Press Cartoon 2011.




Le Filippine colpite dal super tifone Hayan

4 milioni di bambini colpiti dal tifone nelle Filippine.
Ma come fanno i tifoni a beccare sempre i più poveri?
Four million children hit by thipoon in the Philippines.
But how the typhoons always manage to spot the poorest people?
Filippine
Enzo Apicella

Scrive Silvestro Montanaro: Più di diecimila morti a causa di uno spaventoso tifone nelle Filippine. Il racconto della gran parte dei media si ferma a questo. Punta il dito sulla violenza assassina della tempesta. E a me viene una gran rabbia, un gran senso di nausea per questo modo superficiale, menzognero ed offensivo di raccontare le cose. Mi è capitato di esser presente nel corso di terribili tempeste. Ero in albergo. Le ho viste dalla finestra, assolutamente al sicuro. A morire, in assoluta maggioranza, erano e sono quelli che non possono mettersi al sicuro. Nelle Filippine ci sono baraccopoli immense. Poveri pali e tetti di cartone. Ci vivono milioni di esseri umani. Indifesi. Anche quando c’è il sole. Muoiono i poveri sotto l’unica tempesta assassina che io conosca. L’ingiustizia.

mercoledì 20 novembre 2013

Premio Roberto Morrione - terza edizione





“Un buon giornalista è un buon discesista”
Lo diceva Roberto Morrione, storico giornalista della Rai, morto il 20 Maggio 2011.
I suoi amici amano ricordare questa frase perché rende bene l’idea che Morrione aveva di chi fa il giornalista, e il giornalista d’inchiesta in particolare. Deve puntare all'obiettivo con coraggio e determinazione, senza badare a quanto diventi ripido il percorso e scivolosa la neve. Con un fine chiarissimo: restituire un contesto alle notizie e fa comprendere i fatti, perché – sono ancora parole di Morrione – “Il pubblico ha sempre fame di buona informazione”.
Il Premio Roberto Morrione, nato per queste ragioni e per l’affetto che lega tuttora molti amici alla sua memoria, giunge quest’anno alla terza edizione.
È una sezione del Premio Giornalistico Televisivo Ilaria Alpi, ed è destinato ai giovani che vogliono misurarsi con la sfida dell’inchiesta giornalistica, che vogliono raccontare il nostro Paese, magari svelandone segreti e lati oscuri. Giovani, sì: perché il limite d’età per partecipare è di 31 anni, che non devono essere ancora compiuti alla scadenza del Bando di concorso, fissata al 15 Dicembre 2013.
Ma l’originalità del premio Roberto Morrione non si ferma qui.
Non è destinato - infatti - ai prodotti finiti, ma ai progetti. Sono proprio i progetti (circostanziati negli argomenti, precisi nei temi, definiti nei tempi e nei luoghi) che verranno selezionati dalla giuria, che ne valuterà il valore informativo, la fondatezza, la pianificazione, l’accuratezza.
Soltanto tre progetti passeranno la selezione.

martedì 19 novembre 2013

700 anni dalla nascita di Boccaccio, il Decamerone in 100 tweet!

Bruno Corti mentre sta declamando con Valeria Noli e Massimo Arcangeli della " Dante Alighieri "


A 700 anni dalla nascita di Giovanni Boccaccio la Società Dante Alighieri, tramite la redazione di madrelingua, ha sviluppato il progetto Decameron in 100 tweet (riscrittura collettiva del capolavoro dell'autore di Certaldo). Dal 1° agosto all'8 novembre hanno pubblicato ogni giorno su twitter.com/la_dante due twoosh ("cinguettii" di 140 caratteri esatti), uno metrico e uno narrativo, per ciascuna novella.

domenica 17 novembre 2013

L'Angelo e il Pennuto (5)

L'Angelo e il Pennuto 





- Berlusconi ha sciolto il PdL
- Nell'acido?
Etichette: berlusconi, L'Angelo e il Pennuto, nuova Forza Italia, sciolto il PdL

sabato 16 novembre 2013

Bozzetto a Disney



 Bruno at Disney’s!

On November 21st, 2013, the illustrious Walt Disney Family Museum in S. Francisco will host an exhibition of Bruno Bozzetto, almost entirely dedicated to “Allegro non Troppo”, an unquestionable homage to “Fantasia”. At the time of the release in the USA, the film was defined as a gorgeous send-up of Fantasia, and Ward Kimball, a Disney legendary animator, regarded it as one of his favorite films.
The exhibition, by the title “Bruno Bozzetto: Animation, Maestro!” is organized by The Walt Disney Family Museum and designed by animation historian and critic Federico Fiecconi with the cooperation of Bruno Bozzetto Distribution company.
A collection of about 60 pieces amongst which original pencil animation drawings, cels and backgrounds, is being set up and will be on view in the museum’s Theater Gallery from November 21, 2013 to April 7, 2014. The film screening program will feature a significant part of Bruno’s filmography including the forthcoming blu-ray version of Allegro non Troppo, an absolute novelty.

venerdì 15 novembre 2013

Tuc, Trise, Tari, Tasi trotterellando ...

Le vignette di ElleKappa - Repubblica.it

Miliardi e miliardi e miliardi tra sprechi, evasioni, frodi fiscali...
Triccheballacche
Quando lo Stato compensa la devastante mancanza di contenuti con acronimi scioglilingua, tautologie e sillogismi fasulli giusto buoni per palinsesti umoristici...
13 novembre 2013 - Nadia Redoglia

Tuc, Trise, Tari, Tasi trotterellando transitano tracotanti. Tallonano, tracciano tagliole, tagliuzzano, trapanano, taglieggiano, taccheggiano. Traboccano trabocchetti!? Trasudando tartuferie: tampinano, tiranneggiano, travolgono, tramortiscono tantissimi tributati tapini. Tralasciano, trascurano, tipizzano, tentennanti traccheggiano tra tramandate (traghettate) tangentopoli: tangheri, turpi traditori, tamarri tardoni, tipacci triviali, trafugatori transfughi, tariffari tradizionalmente taroccati, tirapiedi, trafficanti/traffichini, truffatori/truffaldini, tacconi totalmente tarlati. Tant’è.

Triccheballacche

Tracimando taccagne tirchierie tramano (tragicamente tralignando!) tracolli tra trafelati, traballanti, tranciati (tradotto: temuti trapassi!) tristissime trafitte torme troppo (tar)tassate.

triccheballacche

Trascurando (temporaneamente!) Tocqueville, tentati talmente, traduciamo tal Transatlantico: traguardo terrorista.

Trasaliamo tanto!


martedì 12 novembre 2013

Berlusconi: "I miei figli come ebrei sotto Hitler". Battuta infelice, si ma pubblicitaria.

 
La figura retorica di B.
Che desolazione.
Mauro biani


"I figli di Berlusconi come gli ebrei."
 "I miei figli dicono di sentirsi come dovevano sentirsi le famiglie ebree in Germania durante il regime di Hitler. Abbiamo davvero tutti addosso", ha detto il Cavaliere parlando di quello che, a suo avviso, è un attacco a 360 gradi alla sua persona, dopo che Vespa gli aveva chiesto se fosse vera la proposta dei figli di vendere tutto, in una anticipazione del prossimo libro.

domenica 10 novembre 2013

Le tavole di Marilena Nardi (ottobre 2013)


"B. l’ultimo re vichingo e la corte da ibernare" per il testo di Dario Fo, su Il Fatto Quotidiano del 15/10/2013.
Berlusconi ha fatto costruire un mausoleo nel quale farsi inumare. È un sacello monumentale in cui sono previsti loculi dentro i quali possono trovare posto le salme di gran parte dei suoi seguaci che, morto lui, saranno disposti a tenergli compagnia nell’aldilà.

Aung San Suu Kyi a Parma

Aung San Suu Kyi a Parma
di Tiziano Riverso


Visita emiliana per Aung San Suu Kyi nei giorni scorsi.
Dopo Bologna dove le autorità hanno conferito al premio Nobel per la pace, la laurea ad honorem in filosofia , una breve ma intensa visita a Parma.
 Cittadina onoraria di Parma dal 2007, San Suu Kyi  ha potuto  conoscere finalmente la sua città.
La visita emiliana è stata accompagnata dalla musica, lo Stabat Mater a Bologna, il Va Pensiero e la Messa da Requiem di Verdi a Parma.

venerdì 8 novembre 2013

Missione Marte


Peter Brookes cartoon

(ANSA) - NEW DELHI, 5 NOV - La missione indiana su Marte e' partita oggi dalla base spaziale di Sriharijkota, sulla costa orientale. Il lancio del razzo, con a bordo la sonda Mangalyaaan, e' stato trasmesso in diretta dalle tv indiane. Il razzo Pvsl-XL si e' staccato dalla base alle 14.38 (10.08 in Italia) lasciandosi dietro una enorme scia di fuoco. La sonda raggiungera' l'orbita di Marte nel settembre del prossimo anno e studierà l'atmosfera e la superficie del pianeta rosso con cinque strumenti a bordo. (ANSA).

Arafat avvelenato col polonio

THE KEFIAH
Gianfranco Uber
The analysis of the clothing seems to confirm the poisoning of Arafat by Polonium-210 08 Nov 2013

(ANSA) - LOSANNA, 7 NOV - Gli esperti svizzeri incaricati dalla vedova di Yasser Arafat di verificare presunte tracce di polonio fra i resti e gli oggetti personali del defunto leader palestinese terranno oggi una conferenza stampa a Losanna per presentare gli esiti delle loro indagini. L'annuncio giunge all'indomani di anticipazioni di Al Jazira, corroborate dalla vedova Suha, secondo cui il rapporto svizzero accrediterebbe la tesi dell'avvelenamento con il polonio come "probabile" causa della morte di Arafat nel 2004.

mercoledì 6 novembre 2013

Boligan e Catrina

Gli ultimi disegni di Angel Boligan, famoso artista sudamericano,  parlano delle tradizioni messicane, del loro stravolgimento con l'arrivo di Halloween e del rispetto per i defunti.


-LA TRISTE MUERTE DE LA CATRINA*
Carton publicado en EL UNIVERSAL el 3 de Nov. 2013.

domenica 3 novembre 2013

Terre dei fuochi


 Era il 1997 e Carmine Schiavone diceva:" Tra vent'anni saranno tutti morti ..."
e così è stato le terre dei fuochi hanno la più alta incidenza di mortalità per tumori d'Italia.

Un affare da 600-700 milioni di lire al mese, che ha devastato terre nelle quali, visti i veleni sotterrati, si poteva immaginare "che nel giro di vent'anni morissero tutti". Parole che mettono i brividi quelle pronunciate nel 1997 dal pentito dei casalesi Carmine Schiavone davanti alla Commissione ecomafie, in una audizione i cui verbali sono stati desecretati venerdì 31 ottobre. La sentenza senza appello pronunciata dall'ex boss riguardava tanti centri del Casertano, "gli abitanti di paesi come Casapesenna, Casal di Principe, Castel Volturno e così via, avranno, forse, venti anni di vita". Già in un'intervista a Sky Tg24 il boss aveva ribadito che il vero affare dei clan è il business dei rifiuti.

Rifiuti radioattivi "dovrebbero trovarsi in un terreno sul quale oggi ci sono le bufale e su cui non cresce più erba", raccontava Schiavone. Fanghi nucleari, riferiva, arrivavano su camion provenienti dalla Germania. Nel business del traffico dei rifiuti, secondo il pentito, erano coinvolte diverse organizzazioni criminali - mafia, 'ndrangheta e Sacra Corona Unita - tanto da fare ipotizzare che in diverse zone di Sicilia, Calabria e Puglia, quelle cosche abbiano agito come il clan dei Casalesi. Ma i veleni non venivano nascosti solo in provincia di Caserta: rifiuti tossici, a suo dire, sono stati interrati lungo tutto il litorale Domitio e sversati anche nel lago di Lucrino, specchio d'acqua che si trova nell'area flegrea, in provincia di Napoli.

Terre dei fuochi di CeciGian

476

Ufficio di Presidenza: da oggi pubblici gli atti riferiti alle dichiarazioni del pentito Schiavone
31/10/2013
Sono stati resi pubblici gli atti riferiti alle dichiarazioni del pentito Carmine Schiavone di fronte alla Commissione parlamentare di inchiesta sul ciclo dei rifiuti svolta il 7 ottobre 1997. Oggi l'Ufficio di Presidenza della Camera dei deputati - preso atto della nota con la quale il Procuratore Nazionale Antimafia ha rappresentato che non esistono motivi ostativi a che siano resi pubblici sia il resoconto stenografico della audizione del collaboratore di giustizia presso la predetta Commissione, sia gli atti depositati in quella occasione - ha espresso all'unanimità parere favorevole alla declassificazione degli atti secondo la procedura prevista dal Regolamento dell'Archivio storico della Camera.
Ai sensi di tale Regolamento, la Presidente della Camera, Laura Boldrini, ha quindi adottato il relativo provvedimento attraverso il quale i suddetti atti sono stati declassificati e quindi resi pubblici.
Con questa decisione la Camera ha inteso dare una risposta alla legittima richiesta dell'opinione pubblica e soprattutto delle popolazioni che abitano quelle zone dell'Italia martoriate dalla gestione illecita dei rifiuti e che chiedevano di fare piena trasparenza sulle dichiarazioni rese dal collaboratore di giustizia alla Commissione parlamentare.
I predetti documenti sono quindi da oggi liberamente consultabili presso l'Archivio storico della Camera ed è altresì possibile accedere ad essi direttamente dalla sezione del sito internet della Camera relativa ai lavori della Commissione parlamentare d'inchiesta sul ciclo dei rifiuti e sulle attività illecite ad esso connesse operante nella XIII legislatura unitamente a tutti gli altri resoconti della medesima Commissione già pubblicati. Vai al documento
Quest qui sotto è una delle 63 pagine.

Terre dei fuochi - Tiziano Riverso



477
Boldrini: grande soddisfazione per la declassificazione degli atti sulle dichiarazioni di Carmine Schiavone
31/10/2013
La Presidente della Camera, Laura Boldrini, ha rilasciato la seguente dichiarazione in merito alla decisione dell'Ufficio di Presidenza di rendere pubblici gli atti dell'audizione del collaboratore di giustizia Carmine Schiavone: "Esprimo grande soddisfazione per la decisione, adottata all'unanimità dall'Ufficio di Presidenza della Camera, di togliere il segreto sui contenuti dell'audizione che il collaboratore di giustizia Carmine Schiavone svolse nell'ottobre 1997 alla Commissione bicamerale di inchiesta sul ciclo dei rifiuti. Si tratta della prima volta che la Presidenza della Camera - senza che questo sia richiesto dalla magistratura - decide di rendere pubblico un documento formato da Commissioni di inchiesta che in passato lo avevano classificato come segreto. Lo dovevamo in primo luogo ai cittadini delle zone della Campania devastate da una catastrofe ambientale cosciente e premeditata, come ho avuto modo di dire anche recentemente a Pòllica, per la commemorazione dell'assassinio del sindaco Angelo Vassallo: cittadini che oggi hanno tutto il diritto di conoscere quali crimini siano stati commessi ai loro danni per poter esigere la riparazione possibile. Troppo spesso, nella storia del nostro Paese, il segreto è stato infatti invocato non a tutela non dei diritti di tutti ma a copertura degli interessi di alcuni. La fiducia nelle istituzioni si rinsalda anche facendo luce su zone d'ombra immotivate e perciò inaccettabili all'opinione pubblica. E' rilevante, inoltre, che la cancellazione del segreto sia avvenuta nel pieno rispetto delle esigenze della magistratura. Il coordinamento con il Procuratore nazionale antimafia, Franco Roberti, è servito a verificare che la desecretazione non crei ostacoli di alcun tipo alle indagini giudiziarie in corso".

http://www.2duerighe.com/wp-content/uploads/2013/11/terra-dei-fuochi.jpg

Mappa interattiva da 2duerighe




**********************************************************
Ti potrebbe interessare  anche il post dove Saviano parla di tutto questo:


Saviano: resto qui, perchè mi piace la costituzione italiana.

sabato 2 novembre 2013

Ahi! ahi! ahi! Signora Cancellieri!

«Ahi! ahi! ahi! Signora Cancellieri... 
...Mi è caduta sulla Ligresti!».

 Più che Cancellieri , io CANCELLEREI
Tiziano Riverso

venerdì 1 novembre 2013

L'Angelo e il Pennuto (4)

L'Angelo e il Pennuto 


- Letta: "Abolizione IMU non è stata concessione a Berlusconi"
- Immacolata concessione

Etichette: berlusconi, concessione a Berlusconi, Immacolata Concessione, IMU, L'Angelo e il Pennuto

Halloween, le vignette.

Dolcetto o scherzetto?

In USA 






Steve Kelley by Politico