giovedì 30 aprile 2015

A breve la XX-XXI rassegna Humour a Gallarate



Ancora pochi giorni e poi scopriremo i vincitori della XX-XXI rassegna Humour a Gallarate

E’ tutto pronto per la nuova edizione dell’Humour a Gallarate, la rassegna organizzata dalla Pro Loco arrivata ormai alla XXI edizione e la cui mostra sarà inaugurata domenica 3 maggio. Un evento che raduna ogni anno cartoonist, illustratori, umoristi e caricaturisti, veri artisti del tratto e del colore, in grado di condensare in una piccola tavola il loro pensiero anche più complesso.
Il Grand Prix Marco Biassoni è divenuto quindi un evento culturale che oltre a celebrare la città di Gallarate rende onore ad una forma artistica pura e diretta, capace di oltrepassare le differenze culturali e di far comunicare persone con provenienze anche molto lontane. Dialogando attraverso le immagini, talvolta senza bisogno di parole, culture diverse possono incontrarsi, entrare in relazione, conoscersi e far conoscere le proprie peculiarità e quelle dei rispettivi territori.
In occasione della fiera Expo che porterà a Milano, e in tutta la nostra regione, milioni di turisti provenienti da tutto il mondo la Pro Loco di Gallarate ha deciso di raddoppiare, realizzando in contemporanea XX e XXI edizione proprio in occasione dell’inaugurazione ufficiale di Expo, dal tema “Il Mercato Globale”.
La grande mostra della XX e XXI edizione sarà inaugurata il 3 maggio alle ore 11 a Palazzo Minoletti e lì rimarrà allestita fino al 30 giugno.

mercoledì 29 aprile 2015

Università Parma: Satira in Prima


Oggi Mercoledì 29 aprile, alle ore 15, nell’Aula Magna dell’Università parmigiana, si è tenuto l’incontro
 ‘Satira in Prima’
La politica graffiata nei giornali italiani.
Per la prima volta insieme, i maggiori rappresentanti della satira italiana hanno discusso del loro lavoro, che ha disegnato la storia d’Italia tra il pieno ‘900 e il 2000. Il tema è particolarmente attuale, dopo che i funesti eventi di “Charlie Hebdo” lo hanno portato alla ribalta mondiale.

Altan (L’Italia con l’ombrello), Emilio Giannelli (Sorridere al “Corriere”), Gino e Michele (Noi di “Zelig”), Staino (Noi di “Tango”), Vincino (La satira come controinformazione) e il vignettista parmigiano Fogliazza (Oggi si cambia) i protagonisti dell'incontro.

Introduzione della prof.ssa Annamaria Cavalli, Presidente del corso di laurea magistrale in Giornalismo e cultura editoriale dell’Università di Parma, e moderazione dei prof. Maurizio Chierici, docente di Giornalismo laboratoriale, e Gloria Bianchino, docente di Storia dell’arte contemporanea. Gli interventi sono stati preceduti da una ricostruzione storica (Asini muli e becchi gialli) del prof. Giorgio Vecchio, docente di Storia contemporanea dell’Università di Parma.





29 APRILE 2015
Un po' di satira su Parma, con Altan, Giannelli e colleghi
Calisto Tanzi, il Parmigiano Reggiano, Nicola Berti. Alcuni argomenti su Parma scelti da "mostri sacri" della satira quali Altan, Giannelli, Gino & Michele, protagonisti dell'incontro "Satira in prima" organizzato dal corso di laurea magistrale in Giornalismo e cultura editoriale del Dipartimento di lettere, arti, storia e società mercoledì nell'Aula Magna dell'ateneo. (di Alessandro Trentadue)

8th OSCARfest International Cartoon Exhibition OSOR, Croatia 2015



The example of the theme




SUJET

8th OSCARfest
International Cartoon Exhibition OSOR Hrvatska / Croatia 2015
(Island Cres, Town of Mali Lošinj / Northern Adriatic)
Exhibition: July-August-September 2015
(more than 10,000 visitors - tourists from around the world on summer season)

Theme: FOOD & DRINK ON A (DESERT) ISLAND

Deadline: June 18, 2015

1 (one) Cartoon WITHOUT WORDS
Format: A4 (210x297 mm)
Original and digital computer art works (numbered and signed) will be accepted.
Photocopies will not be accepted.
Prizes:
First place: Personal exhibition in 9th OSCARfest 2016, sponsorship award, diploma
Second and Third place: sponsorship award, diploma

The only one jury is INTERNATIONAL JURY OF VISITORS!

Works returned: No

Digital catalogue and results for all participants

Copyright issues:
The selected participants give the organizer (ARTour Association) permission to use their cartoons for promoting the Festival. Organizer may copy the selected works in one (1) copy for sponsors, awards to voters and promotions.

Address: Send by ORDINARY POST (Not recommended!) to:
Croatian Cartoonist Association (HDK)
Savska c. 100, 10000 Zagreb, Croatia
(for 08 OSCARfest)
or by e-mail: dado.kov@gmail.com (A4, RGB, JPG, 300 dpi)

Informations / Entry Form:
dado.kov@gmail.com (Dado Kovačević), www.hdk.hr







martedì 28 aprile 2015

Fiction & Comics, il concorso sulla fantasia e l’immaginazione



Gentili amici, 
la Scuola Internazionale di Comics promuove il Contest Fiction & Comicsl concorso che premia l’immaginazione
Dopo il successo delle prime edizioni dedicate al mondo dei fumetti, ora tocca anche agli autori di narrativa fantastica: sono aperte le iscrizioni a Fiction & Comics, il concorso sulla fantasia e l’immaginazione realizzato dailmiolibro in collaborazione con Scuola Internazionale di Comics.
Il contest, aperto a tutti i professionisti e appassionati senza limiti di età, è suddiviso in quattro sezioni:Fumetti - Fantasy - Fantascienza - Fiabe
Possono partecipare leoperedi queste categorie pubblicate dagli autori su ilmiolibroentro il 30 agosto 2015.
In palio premi da 1.000 euro e esclusivi workshop nella sede di Chicago di Scuola Comics.
E tanti altri riconoscimenti per autori e lettori.
ISCRIZIONE

sabato 25 aprile 2015

25 aprile 2015: 70° anniversario della Liberazione

25 Aprile 2015

Liberazione 70°


Oh Bella Ciao!

Il 25 aprile si festeggia la fine dell’occupazione tedesca in Italia, del regime fascista e della seconda guerra mondiale e la vittoria delle forze che hanno partecipato alla resistenza


sabato 25 aprile 2015
25 APRILE 2015
70° ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE
Italiani : tornate giovani !!!
UBER


 "Buon 25 aprile, a tutti, anche a chi non ha capito cosa sia. È una festa, ma non si fanno regali. È una festa difficile perchè la libertà non te la regala nessuno. E l'antifascismo è il regalo più bello che possiamo farci, penso. Perchè antifascismo è pensare con la propria testa, senza prevaricare. E perchè c'è chi è morto, per questo, mica solo per la patria, o per un simbolo. In alto i calici."
Rasta Bello




Il teaser di «LiberAzione 70°»
Qui si parla, si disegna (la copertina, inedita, è di Sergio Staino) e si canta la Canzone Popolare che viene in senso più nobile dal popolo nei travagli della lotta al nazifascismo, Bella Ciao!

Buona Liberazione a tutti!
Moise


Fabio Magnasciutti


25 aprile: L'accoglienza
Giannelli

Il partigiano Giovanni (Johnny per gli amici)


Ironia (miserabile) della sorte ha voluto che mentre i soloni cogitavano sui droni -ritenuti mezzi più idonei per distruggere la flotta dei libici demoni, ma ci vuole almeno un anno per organizzarli- il presidente Usa comunicava che un loro drone, per errate info intelligence, ha (collateralmente) massacrato Giovanni Lo Porto. E’ l’Italiano cooperante (di pace, non di guerra) rapito nel gennaio 2012 in Pakistan, terra che amava. Era là per aiutare perché era straordinariamente preparato e per esserlo ci ricordava che prima di tutto è indispensabile stare bene e ben farsi accogliere tra le persone che nelle loro terre spendono la vita. A milioni abbiamo invocato la sua liberazione. Sua madre ieri ha saputo che fin da gennaio gli americani gliel’hanno ammazzato. E’ solo ascoltando, magari anche riascoltando, Quirico -uno che parla a ragion veduta e provata non per blablologia tweet/ talk e narcisismo selfie/tv- che forse ci può tornare l’impulso di riappropriarci degli stimoli per riconoscere la solidarietà autentica che trilli e trolls, tronisti e dronisti ci stanno rubando inculcandoci illusione ego-sostenibile. La solidarietà vera, infatti, è frutto di continue ricerche, indagini, interrogativi da svolgere in prima personasperimentando poi le scelte e le risposte prima di tutto sulla propria pelle.  Lo Porto stava da quella parte ed è l’ultimo in ordine di tempo che l’ha dimostrato e un drone (partigiano) se l’è portato via. Il fatto che, sempre più spesso, ci sono umani costretti a morire per dimostrare l’assunto della solidarietà, sarà benragione per scatenare in noi, se non proprio scampanio, almeno trillo d’allarme?!
Ciao, bello ciao… Sei morto prima di poter urlare Viva la Libertà.
24 aprile 2015




FESTA DELLA LIBERAZIONE
25 aprile, Festa della Liberazione d’Italia.
By Paolo “Pablito” Morelli (PPM).



Il bersagliere ha cento penne (Il partigiano)

70 anni fa...
Pietro Vanessi



25 aprile 2015: 70° anniversario della Liberazione
© Milko Dalla Battista


Fischia il vento


Alla mia Città
... soltanto col silenzio dei torturati
più duro di ogni macigno
soltanto con la roccia di questo patto
giurato tra uomini liberi
che volontari si adunarono
per dignità e non per odio
decisi a riscattare
la vergogna e il terrore del mondo
su queste strade se vorrai tornare
ai nostri posti ci ritroverai
morti e vivi collo stesso impegno
popolo serrato intorno al monumento
che si chiama
ORA E SEMPRE RESISTENZA
P. Calamandrei
Tiziano Riverso




Un tempo
CeciGian


pietà l'è morta



Quando è il 25aprile
Mauro Biani

Concludo, questa mia raccolta con lo splendido papavero rosso di Biani, (i papaveri rossi sono un simbolo indissolubilmente legato, in modo inquietante e spesso commovente, alle vittime delle guerre)
augurando a tutti 

BUON 25 APRILE!
e
W LA LIBERTÀ!

---------------------------------------------------------------------------------------

IL LIBRO 




a cura di Leo Magliacano e Tiziano Riverso

FESTA D'APRILE
storie partigiane scritte e disegnate

Tempesta Editore



***********************************************************
Ti potrebbero interessare anche:



25 aprile 2013(vignette)





************************************************************

Settantesimo anniversario della Liberazione
Il 25 aprile spiegato da Makkox

giovedì 23 aprile 2015

#ioleggoperche

23 aprile giornata mondiale del libro e del diritto d'autore

di Mello




"Il tempo per leggere, come il tempo per amare, dilata il tempo per vivere."
Daniel Pennac #ioleggoperché



Books are magical    Rodrigo de Matos
11 Mar 2013



Opened book    Alfredo Martirena
A good book can show the beauties of the world to the child



Libro digitale
Boligan


Boligan



leggere..leggere..leggere.....il sapere...rende liberi
Alfio Leotta

-------------------------------------------------------------------









*

mercoledì 22 aprile 2015

Quanti ancora...



Quanti ancora.
Mauro Biani



Domenica 19 aprile tragico naufragio tra la Libia e l'Italia. Si stimano 900 morti.

Le prime pagine della stampa di tutta Europa parlano della tragedia:
Libération titola “Mare Morto”.
La Stampa di Torino parla de “L’ecatombe del Mediterraneo”.
Per El País, “Orrore in Europa per il peggior naufragio nel Mediterraneo”.
El Mundo conteggia: “1’000 morti in una settimana”.
The Guardian spiega: “Si temono centinaia di morti per il capovolgimento del battello dei migranti”.
Tageszeitung fa un macabro bilancio: “15 volte i morti dello scorso anno”.




Body Bag Boat    Maarten Wolterink
Another boat full of immigrants capsizes in the Mediterranean, hundreds are feared to have drowned. Maarten Wolternink: ’EU, please find another way.’
20 Apr 2015

Wish to God there was no need, but seems appropriate to retweet this from @guardian last October 
Martin Rowson 
29.10.14 Guardian

Mediterrâneo.
Dalcio


My cartoon on Friday @TheTimes on the EU's shameful attitude to migrants sailing from N Africa.
Peter Brookes


MÉDITERRANÉE. Les clandestins disparus devant les côtes italiennes.
Plantu


Giannelli




Death in the Mediterranean - © Chappatte in The International New York Times


Helpless Europe - © Chappatte in Le Temps, Switzerland


Migrants Mediterranean    
Alex Falcó Chang



http://www.repubblica.it/politica/2010/11/30/news/le_vignette_di_ellekappa-9683622/



Migranti
Leoni






Europa cannibale


Ci sono i soccorritori di mare e di terra, eroi perché certe immagini segnano per tutta la vita, ma loro ancora non lo sanno mentre sono costretti a subire impotenti le mattanze umane. E poi viene il nulla socio politico aggravato da troppe parole e infinite omissioni. Nel mezzo gli schiavisti di terra europea che suddividono la merce umana (già scontato il carico deteriorato o perduto) secondo richiesta di mercato: da una parte manovalanza adulta e adolescenziale per traffici subumani di mafia (caporali, droga e papponi), dall’altra commercio di bambini da squartare nel corpo e nell’anima.
Queste sono le viscere dell’Europa le cui membra da expo appaiono invece così belle, ricche, eleganti e profumate.
Il decennio scorso funzionava diversamente perché non li vedevamo morire. Ci stava un compare cui baciavamo la mano non perché mafioso locale, ma perché dittatore libico che faceva per noi il lavoro sporco sicché quegli umani lì li faceva crepare (di sete, fame, asfissia, schiacciati dai camion che si ribaltavano, stremati dalle marce, sbranati da cani selvatici) a decine e decine di migliaia nelle deportazioni sahariane tra Libia e Niger, così noi europei si stava a posto con quella bestemmia che chiamiamo coscienza, un po’ come facevamo quando eravamo ufficialmente colonialisti.  Oggi no, oggi vediamo e tocchiamo (specie gli italiani già “protetti” dal Gheddafi di cui ci vantavamo) perché la morte preceduta da torture s’è spostata sul mare europeo (poggiato sulla carta universale dei diritti umani!) che si nutre di africani.
Oggi stiamo messi così perché l’Europa Unita s’è fatta mai carico morale d’impedire le deportazioni oggi tradotte in “sbarchi clandestini”. S’è attivata, finché è andata, giusto per impedirne la vista.
20 aprile 2015



La vecchia signora
Vignetta che avevo cercato di fare con un certo stile retrò per un Concorso ma che ha avuto poca fortuna.
La ripesco volentieri per commentare quanto sta succedendo con la nuova ondata di migranti e il conseguente aumento del numero di annegati.
Al relativo scrupolo per i morti si aggiungono la paura per le possibili complicanze di una guerra religiosa e la preoccupazione per il gran numero di persone a cui dovremo cercare di dare assistenza.
L'Europa non ha i soldi per salvarli tutti in mare dice il commissario europeo all'immigrazione.
Tuttavia bisognerà trovarli, come gli USA nel 41 li hanno trovati per salvare l'Europa (e il mondo) dalla follia nazista, l'Europa tutta non può non agire in modo compatto per ristabilire in Africa condizioni di vita essenziali. E continuare a dormire.
Uber 


THE REQUIRED WEIGHT    Gianfranco Uber
Will it be enough ?
20 Apr 2015




sabato 18 aprile 2015

Mostra: Viva Cavandoli!



VIVA CAVANDOLI!

mostra omaggio a OSVALDO CAVANDOLI, disegnatore del celebre cartoon "LA LINEA"
di 100 ILLUSTRATORI, DISEGNATORI, ANIMATORI
di fama nazionale ed internazionale

Dal 10 aprile 2015 
Al    2 giugno 2015
al MUSIL

il Museo dell'Industria e del Lavoro di Rodengo Saiano (Brescia).
Per maggiori informazioni: vivacavandoli.it



In anteprima qualche opera :


di Bruno Bozzetto


di Segio Staino

di Piero Tonin

di Lido Contemori


di Ugo Sajini
di Frago

di Giuliano

  • Achille Superbi (Italia)
  • Adriano Carnevali (Italia)
  • Aguinaldo Perrone (Italia)
  • Aka B (Italia)
  • Alfio Leotta (Italia)
  • Andrea Bersani (Italia)
  • Andrea Blasich (USA)
  • Andrea Pecchia (Italia)
  • Antonio Dusi (Italia)
  • Antonio Tubino (Italia)
  • Athos Careghi (Italia)
  • Aurélien Baudinat (Francia)
  • Bicio Fabbri (Italia)
  • Bruno Bozzetto (Italia)
  • Carlo Squillante (Italia)
  • Cent Alantar (Francia)
  • Chiara Colasanti (Italia)
  • Claudio Acciari (Italia)
  • Corvo Rosso (Italia)
  • Cristian Neri Gonzaga (Italia)
  • Daisuke Ichiba (Giappone)
  • Dast (Italia)
  • Denis Dugas (Francia)
  • Dino Aloi (Italia)
  • Elena Rapa (Italia)
  • Emanuele Fossati (Italia)
  • Emilio Isca (Italia)
  • Eugenio Saint Pierre (Italia)
  • Fausto Gilberti (Italia)
  • Frago (Italia)
  • Francesco Marrello (Italia)
  • Francesco Natali (Italia)
  • Franco Buffarello (Italia)
  • Fusako Yusaki (Giappone)
  • Gabriele Picco (Italia)
  • Giacomo Lion (Italia)
  • Gianni Audisio (Italia)
  • Gibba Guido (Italia)
  • Gino Gavioli (Italia)
  • Giorgio Franzaroli (Italia)
  • Giovanna Casotto (Italia)
  • Giovanni Beduschi (Italia)
  • Giuliano (Italia)
  • Giuseppe Maurizio Laganà (Italia)
  • Gjon Marku (Kosovo)
  • Hurricane (Italia)
  • Ian David Marsden (Svizzera)
  • Jazz Manciola (Italia)
  • Jonas Bergstrand (Svezia)
  • Joshua Held (Italia)
  • Kanako Noda (Giappone)
  • Lele Corvi (Italia)
  • Leo Ortolani (Italia)
  • Lido Contemori (Italia)
  • Luca Fattore (Danimarca)
  • Luca Francocci (Italia)
  • Luca Salvagno (Italia)
  • Lucio Schiavon (Italia)
  • Maicol&Mirco (Italia)
  • Marco Varrone (Italia)
  • Marian Avramescu (Romania)
  • Marilena Nardi (Italia)
  • Mario Gomboli (Italia)
  • Massimo Bonfatti (Italia)
  • Massimo Giacon (Italia)
  • Matteo Bertelli (Italia)
  • Maurizio Ercole (Italia)
  • Mauro Gariglio (Italia)
  • Max Capogna (Italia)
  • Miguel Paiva (Argentina)
  • Mike Diana (USA)
  • Milko (Italia)
  • Milo Manara (Italia)
  • Nedo Zanotti (Italia)
  • Nik Guerra (Italia)
  • Olivier Martin (Francia)
  • Paolo Del Vaglio (Italia)
  • Pat Carra (Italia)
  • Piero Tonin (Italia)
  • Pierpaolo Perazzoli (Italia)
  • Ralph Bakshi (USA)
  • Riccardo Crosa (Italia)
  • Roberto Baldazzini (Italia)
  • Roberto David (Italia)
  • Roberto Mangosi (Italia)
  • Sandro Dossi (Italia)
  • Sergio Ponchione (Italia)
  • Sergio Staino (Italia)
  • Silvio Camboni (Italia)
  • Squaz (Italia)
  • Stefano Baratti (Italia)
  • Stefano Disegni (Italia)
  • Stefano Zattera (Italia)
  • The Hand (Italia)
  • Toru Fukuda (Giappone)
  • Ugo Sajini (Italia)
  • Vincino (Italia)
  • Vittore Baroni (Italia)
  • Winston Smith (USA)
  • Yoshiko Noda "YOCCI" (Giappone)
  • Zograf (Serbia)

-------------------------------------------------------------------------------------


https://www.youtube.com/watch?v=RTMBl7HcqEI
Download "CAVANDOLI!" http://www.divshare.com/download/1782...

"CAVANDOLI!", from an idea by Hurrican Ivan in collaboration with Piero Tonin and Emanuele Fossati, is an affectionate tribute to the beloved humorist Osvaldo Cavandoli, also known as Cava, father of the world-famous cartoon character La Linea (The Line).
The story is a shocking, horrific journey in the Afterlife. The Comics Committee is in crisis: cartoons are not funny anymore! What happened? What terrible spell lingers over their ink souls? And above all, who will save them from their grim fate?
Puck the Dwarf, Dirty Bastard and The Cow are sent to the Comics Paradise to seek advice from cartoon legend Osvaldo Cavandoli.
Will the trio be able to come back from the Other Side and revive their miserable careers with the help of a jar of jam?
"CAVANDOLI!" is a unique comic-strip story drawn by 30 of the best Italian cartoonists, all of which, in one way or the other, are connected to the Maestro.
From the legendary cartoonists of Carosello (Bruno Bozzetto, Gino Gavioli, Nedo Zanotti, Carlo "Perogatt" Peroni), to Cavandoli's closest collaborators (Lucio Tomaz, storyboard artist, and Mauro Gariglio, animator), to his friends and colleagues, all teamed up for the first time to pay homage to one of the pioneers of Italian animation.
The great Brazilian poet Vinicius de Moraes also makes a special appearance. Cavandoli was a big fan of de Moraes' work and wrote many poems himself: some verses from "Allo specchio" ("At the mirror") are cited in the Comics Paradise sequence.
"CAVANDOLI!" also pokes fun at Italian media, that have regrettably neglected Cava and his work over the years.
But we don't need their approval, right Osvaldo?

Piero Tonin

http://pierotonin.blogspot.it/